Reading time: 5 minutes

L’Università di Milano sceglie Syneto per le soluzioni di storage unificato per VDI e cloud privato.


Milano – 1° aprile 2015 – Syneto, il produttore europeo dei migliori array di storage, ha presentato oggi i dettagli della propria collaborazione con l’Università di Milano. Syneto è stata selezionata tra una serie di fornitori per la progettazione e installazione di una nuova infrastruttura di cloud privato e il consolidamento dell’infrastruttura desktop virtuale (VDI) dell’università; l’offerta di Syneto si è rivelata vincente grazie a caratteristiche di alte prestazioni, facilità d’uso, contenimento dei costi e scalabilità delle soluzioni. A partire dalla sua implementazione, la Serie EXTREME 220 di Syneto ha ridotto sensibilmente il tempo necessario all’università per la gestione dello storage, da un’ora per desktop a soli pochi minuti per l’intero parco di 200 desktop, mentre la Serie ARK di Syneto, dotata di tecnologie cloud integrate, oggi è in grado di proteggere più di 36TB di dati e offre un tasso di riduzione dei dati 3 volte superiore grazie alla costante deduplicazione a livello di blocco e compressione dei dati in linea.

Oltre a essere una delle maggiori università europee, l’Università di Milano è anche una delle più grandi istituzioni pubbliche di formazione e ricerca del continente, con circa 65.000 studenti suddivisi in nove facoltà. Il team della sua Divisione Sistemi Informativi è responsabile della manutenzione, della sicurezza e del corretto funzionamento di tutti i sistemi IT universitari, compresa l’intera infrastruttura di archiviazione dati. Prima di iniziare la procedura di gara, il team IT ha convenuto su due priorità fondamentali: creare un cloud privato per consolidare e salvaguardare i dati dell’università, e introdurre una soluzione VDI che migliorasse l’efficienza e riducesse il tempo necessario per la gestione e la manutenzione del centro dati.

Creazione di un cloud privato

Il fatto che studenti e personale dell’università archiviassero i file in una vasta gamma di cloud pubblici non controllabili e potenzialmente non sicuri costituiva una grande preoccupazione per il team della divisione sistemi informativi. Il team aveva necessità di una soluzione disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7, che consentisse che i dati originali (come la ricerca) confluissero all’interno di un cloud privato per poter essere direttamente archiviati e protetti. I criteri chiave erano costi, efficienza e la flessibilità.

La dott.ssa Luisa Ferrario, Associate manager della Divisione Sistemi Informativi dell’Università di Milano, ha affermato:

“Non ci interessava soltanto la spesa iniziale, ma il costo di gestione totale, ed era chiaro che gli array di Syneto, semplici da utilizzare e gestire, avrebbero soddisfatto le nostre esigenze tecnologiche e aziendali. L’offerta di compressione, deduplicazione e integrazione VMware in linea, un sistema di archiviazione rivoluzionario con capacità di self-healing, e un efficace sistema di protezione dei dati, ci è sembrata molto valida. Inoltre, Syneto ha un team di assistenza dedicato e molto efficiente in grado di aiutarci a superare qualsiasi problematica a qualsiasi ora del giorno. Per noi, questo è irrinunciabile.”

Anche la serie ARK di Syneto ha risposto pienamente alle esigenze poste dal team IT dell’Università, in quanto si integra perfettamente con il nostro software UnimiBox preesistente, sviluppato internamente dall’università, e fornisce un’infrastruttura cloud affidabile e sicura scalabile fino a 100TB. La tecnologia ha consentito al team della dott.ssa Ferrario di mettere in atto una solida strategia di disaster recovery, grazie a snapshot regolari e programmati di tutti i dati dell’Università. La serie ARK di Syneto include un file system intelligente, che ha anche consentito al team di prevenire la corruzione silenziosa dei dati come nel caso di errori durante la scrittura, la lettura, l’archiviazione, la trasmissione o l’elaborazione dei dati archiviati.

Fornitura di un’Infrastruttura desktop virtuale

Il team IT dell’Università desiderava sostituire le sue ormai datate workstation con un’infrastruttura VDI in grado di aumentare l’efficienza della gestione, riducendo al tempo stesso i costi e la manodopera necessaria. Quest’ultima, tra l’altro, aveva già subito dei tagli a fronte di una contrazione dei budget. Per tale motivo era necessaria una soluzione che offrisse in modo autonomo e rapido la capacità di storage richiesta senza dover ricorrere a un costoso over provisioning. Durante la fase di proof of concept, la serie di array all-flash Extreme di Syneto ha gestito 250.000 IOPS,

“La serie di array di storage Extreme di Syneto è esattamente ciò di cui avevamo bisogno. È in grado di raggiungere facilmente le centinaia di migliaia di IOPS di cui abbiamo bisogno, ed essendo estremamente semplice da integrare e gestire, consente un costo di gestione totale notevolmente inferiore rispetto a quello delle alternative della concorrenza”
ha aggiunto la dott.ssa Ferrario.
“Il progetto dell’Università di Milano mostra alla perfezione l’ampia gamma di problematiche per le quali Syneto fornisce soluzioni. In questo caso l’amministratore IT aveva necessità di una soluzione che garantisse il consolidamento, la protezione e la gestione dei dati dell’organizzazione. Siamo riusciti a fornire una soluzione di cloud privato e VDI in grado di fare fronte con facilità ai picchi di utilizzo dei dati e che al tempo stesso richiedesse poca manutenzione, fosse flessibile e, infine, offrisse un TCO molto inferiore rispetto a qualsiasi altra soluzione sul mercato,”
ha affermato Vadim Comanescu, COO di Syneto./footer>

La serie Extreme di Syneto

La serie di array di storage Extreme di Syneto offre prestazioni fino a 340.000 IOPS. Migliora la performance di applicazioni e database aziendali accelerando al contempo i sistemi OLTP e ERP con un’alta produttività e una latenza estremamente bassa. Utilizzando la compressione e la deduplicazione in linea, le macchine virtuali offrono migliori performance diminuendo al tempo stesso la quantità totale di spazio su disco necessario. La tecnologia VXClone di Syneto clona istantaneamente gli archivi dati VMware in caso di necessità di maggiore spazio. Questa scalabilità trasparente è resa possibile grazie all’interfaccia Syneto Storage OS tramite il plugin di integrazione con VMware dell’azienda

Poiché le VDI comportano IO casuali, la serie Extreme è progettata per gestire senza problemi migliaia di desktop virtuali e le centinaia di migliaia di IOPS dei vari carichi di lavoro che questi generano nel corso della giornata. Come array di storage interamente basato su dischi SSD, la serie Extreme offre una quantità di IOPS molto superiore rispetto ai tradizionali sistemi di storage su disco e riduce sensibilmente i costi di raffreddamento, spazio ed alimentazione della maggior parte dei centri dati.

“Rispetto ai normali dischi rotanti, le unità flash USB hanno un prezzo molto più alto. Per tale motivo un costo totale di gestione basso è fondamentale per offrire una soluzione di storage all-flash praticabile. Il design agile e la gestione semplificata sono le caratteristiche nelle quali gli array all-flash di Syneto eccellono. Queste qualità riducono il costo totale di gestione in quanto richiedono manodopera e tempi inferiori per la gestione dello storage”
ha affermato Dragos Chioran, Responsabile marketing di Syneto

About Syneto

Syneto progetta e realizza con passione gli array di storage più user friendly presenti nel mercato attuale. Siamo un’azienda agile e diamo grande importanza alle interazioni reali, ai prodotti utilizzabili, alla collaborazione con i clienti e alla capacità di rispondere con prontezza alle esigenze. Per questo motivo la nostra missione è quella di offrire soluzioni di storage di dati intuitive e realizzate secondo principi di pregiata fattura e di attenzione al dettaglio, per offrire al cliente un’esperienza utente straordinaria. Per ulteriori informazioni, visita la nostra pagina web: syneto.eu o seguici su twitter


Per ulteriori informazioni:

A3 Communications – gli specialisti di PR nel settore storage e virtualizzazione

Federica Monsone / Greg McEwan